Crea sito
México y Yucatán

|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak (Xlapak),
Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 

   Viaggio effettuato nel gennaio-febbraio 1993
   
La Cattedrale di Guadalajara sulla Plaza de los Laureles, costruita tra il XVII e XVIII secolo.
Durante la mia permanenza a Guadalajara, nonostante i miei doveri di ospite, ho avuto occasione di girare per la città ed i suoi dintorni.
Il cuore della città, dal quale iniziare una visita, è senza dubbio la Plaza de los Laureles, dalla quale si può girare attorno alla Cattedrale per Plaza de Armas, Plaza de la Liberación, raggiungendo Plaza Tapatía con il Mercado Libertad e, in fondo, l'Institudo Cultural Cabañas.
 
Il Palazzo municipale di Guadalajara su Plaza de los Laureles.
 
E' un percorso molto piacevole e rilassante al quale si può dedicare una giornata. Io lo ho fatto a tappe, per non mancare ai miei doveri con la famiglia che mi ospitava.
La Plaza de los Laureles deve il suo nome ai molti alberi di lauro che vi crescono. Su di essa si affaccia il Palacio Municipal, costruito ricreando lo stile coloniale di Guadalajara, con un portico sul quale campeggia lo stemma concesso da Carlo V alla città.
Su un altro lato della piazza c'è la Cattedrale, la cui prima pietra fu posata nel 1561. I lavori per la sua costruzione si protrassero fino al secolo successivo: venne consacrata nel 1616, ma fu terminata due anni dopo nel 1618, anche se molte decorazioni esterne furono completate più tardi. La solenne facciata presenta due campanili ed è ricca di elementi barocchi, neoclassici e churriguereschi.
La facciata del "Palacio del Gobierno" di Guadalajara.
All'interno sorprendono undici altari riccamente decorati, donati da re Ferdinando VII, volte gotiche e colonne in stile toscano.
 
La Cattedrale di Guadalajara vista dalla Plaza de Armas.
 
Quasi a fianco c'è la Plaza de Armas, chiusa da un lato dalla Cattedrale e dal lato est dal Palacio del Gobierno.
E' un misto di stili che vanno da un composto neoclassico ad un turbolento churrigueresco. All'interno, oltre ad un cortile chiuso da un doppio ordine di portici su due piani, ci sono da vedere i murales di José Clemente Orozco (1883-1949); la sua famiglia si riteneva discendente da importanti conquistadores dello stato di Jalisco.
Orozco, osteggiato in gioventù nel suo paese al punto che dovette rifugiarsi negli Stati Uniti, vi ritorna trionfalmente nel 1934 (nel 1947 il Presidente della Repubblica Miguel Alemán Valdés gli conferisce una speciale onorificenza come la figura più insigne del Messico nel campo delle arti e delle scienze negli ultimi cinque anni).
Al suo rientro dagli Stati Uniti, dal 1936 al 1939 realizza a Guadalajara una serie di affreschi all'archivio dell'Università, all'Hospicio Cabañas ed al Palacio del Gobierno.
Qui il più famoso è forse quello dedicato nel 1937 a Miguel Hidalgo y Castilla che, al grido di «¡Patria y libertad!», nel 1810 incitò il popolo messicano alla lotta per l'indipendenza.
    
Un particolare dei "murales" dipinti da José Clemente Orozco sulla volta dello scalone del "Palacio del Gobierno" di Guadalajara.
L'immagine di Miguel Hidalgo y Castilla incombe sul visitatore che si appresta a salire lo scalone del "Palacio del Gobierno".
Una curiosa meridiana sul tetto dell'antico seminario di San José, oggi "Museo del Estado de Jalisco y de Hidalgo".
 
L'affresco, collocato sopra lo scalone del palazzo, in una posizione difficile da fotografare nella sua interezza, rappresenta Miguel Hidalgo che incombe non solo sul popolo, ma anche su di noi che stiamo salendo per lo scalone: descrive la difficile lotta del paese contro le ideologie politiche e religiose che lo soffocano, ed infatti vi sono rappresentati, nelle vesti di oppositori della libertà, croci, svastiche, falci e martelli.
Non a caso la sua pittura gli valse in gioventù l'accusa di sacrilegio ed anticlericalismo.
 
Il "Palacio del Gobierno" di Guadalajara sulla Plaza de Armas.
 
La piazza è ricca di verde. Al centro c'è un gazebo, retto da sottili cariatidi, che giunse dalla Francia e che riporta indietro nel tempo, all'epoca dei valzer e delle operette.
Passeggiare qui è molto piacevole e ci fa immaginare come doveva essere trascorrere la vita a fine Ottocento.
Ci portiamo verso Plaza de la Liberación e l'Avenida Hidalgo. Qui, in un sobrio edificio coloniale del tardo Seicento che fu sede del seminario di San José, è ospitato il Museo Regionale, o Museo del Estado de Jalisco y de Hidalgo.
La costruzione, come la gran parte di quelle di epoca coloniale, ha due corti interne circondate da due portici disposti su due piani che si affacciano con ampi archi.
 
Il chiostro del seminario di San José che oggi ospita il museo regionale di Guadalajara, o "Museo del Estado de Jalisco y de Hidalgo".

Nel chiostro crescono alberi, cespugli e fiori che creano un bell'effetto di piacevole penombra. Alzando gli occhi notiamo una curiosa meridiana, posta sul tetto.
Il museo racconta la storia dell'uomo in questa regione, partendo dalle origini: si può così ammirare al piano terra uno scheletro pressoché completo di mammut assieme a punte di frecce, oggetti di gioielleria, frammenti di vasi, figurine fittili, alcune delle quali risalenti ad un periodo antecedente al pre-classico.
Una scultura rappresenta lo stemma di Guadalajara: è collocata nella Plaza Tapatía.
Al piano superiore troviamo invece un'esposizione dedicata alla storia della regione dalla conquista spagnola, una sezione etnografica per i vari gruppi di indios che hanno abitato lo Stato di Jalisco ed una galleria di dipinti dal XVII secolo ad oggi.
Su Plaza de la Liberación si affaccia la costruzione neoclassica del Teatro Degollado: costruito a metà del XIX secolo, venne inaugurato dall'imperatore del Messico Massimiliano I d'Asburgo.
All'interno, che però non riusciamo a vedere essendo il teatro chiuso, ci sono gli affreschi di Gerardo Suárez che illustrano il quarto canto della Divina Commedia.
 
Il Teatro Degollado sulla Plaza de la Liberación a Guadalajara.
 
E' un teatro nel quale spesso si esibiscono i balli: il canto, il ritmo e la danza fanno parte della tradizione e della cultura di questa regione. La danza ha poi innumerevoli sfaccettature, come quelle popolari dei balli preispanici, con gli indios nei costumi tradizionali con i loro coloratissimi pennacchi e copricapo.
Dietro al teatro c'è il luogo preciso in cui martedì 14 febbraio 1542 Cristóbal de Oñate fondò l'attuale città di Guadalajara. A ricordare l'avvenimento furono collocate delle sculture opera di Rafael Zammaripa.
Da Plaza de la Liberación si raggiunge Plaza Tapatía che con il suo chilometro e mezzo di lunghezza è probabilmente la piazza più lunga del Messico: una via di mezzo tra il viale alberato ed una piazza vera e propria.
Interamente pedonalizzata, su Plaza Tapatía si affacciano negozi e ristoranti.
Al termine della lunga piazza, sul lato opposto a quello del Teatro Degollado, ci sono le costruzioni dell'Instituto Cultural Cabañas.
Il complesso, di nobile carattere, venne progettato dall'architetto spagnolo Manuel Tolsá per ospitare un orfanotrofio, l'Hospicio Cabañas, che prese il nome del suo fondatore, il vescovo Don Juan Cruz Ruiz de Cabañas.
Una vecchia cinepresa in un corridoio dell'Instituto Cultural Cabañas di Guadalajara.
 
L'Instituto Cultural Cabañas alla fine di Plaza Tapatía.
 
Negli anni l'Hospicio Cabañas fu anche manicomio, caserma militare e prigione, rimanendo comunque orfanotrofio fino a poco più di una decina d'anni fa.
Nel complesso si contano 23 cortili, innumerevoli lunghissimi corridoi, una chiesa: molti di questi edifici progettati da Manuel Tolsá sono restati intatti. L'orfanotrofio ebbe un ruolo importante nella storia del Messico, quando Manuel Hidalgo y Castilla, nel 1811, giunse qui per firmare il proclama contro la schiavitù.
  
Uno dei tanti lunghi, interminabili corridoi all'interno del complesso dell'Instituto Cultural Cabañas di Guadalajara (una volta Hospicio).
 
Nella cappella principale José Clemente Orozco, durante la sua permanenza a Guadalajara tra il 1936 ed il 1939, dipinse una serie di murales che descrivono le crudeltà della conquista spagnola ed i quattro Cavalieri dell'Apocalisse. Sebbene gli affreschi trasmettano un senso di ineluttabilità del destino, le fiammeggianti figure della cupola centrale e dei cavalieri sono un segno di speranza per gli uomini che sapranno trovare la via della salvezza.
Oggi tutto il complesso è occupato dall'Instituto Cultural Cabañas, una istituzione artistica che si divide tra una parte museale ed una parte didattica di scuola e di laboratori.
L'attrattiva principale del museo è costituita dall'esposizione permanente dei disegni e delle pitture di José Clemente Orozco; ci sono poi, a rotazione, mostre di pittura, scultura ed incisione.
Al mercato di San Juan de Dios ci si può incontrare anche per una partita a dama.
L'istituto promuove molte attività culturali, come festival di danze, performances teatrali e concerti.
A fianco di Plaza Tapatía c'è l'area del grande e moderno mercato Libertad.
  
Il moderno mercato coperto Libertad di Guadalajara.
 
Non lontano c'è un altro mercato, forse più popolare e per questo, secondo me, più colorito, animato e bello da vedere, sentire, vivere. Già, "sentire", perché qui è tutto un gridare dei venditori che cercano di richiamare l'attenzione dei possibili clienti.
A San Juan de Dios si può trovare di tutto, dalle spremute fresche di frutta agli orologi digitali, dalle scarpe ai gioielli d'oro e di bigiotteria, dalle stoffe ed i vestiti alle chitarre, dai cappelli di paglia tipo Panama ed i sombreri agli articoli per la casa, da sementi secche e noccioline agli elettrodomestici, dagli stivali alla canna da zucchero fresca...
 
Un banco di stoffe e vestiti al mercato di San Juan de Dios di Guadalajara.
Esposizione di ceramiche lungo le strade di Tonalá.
 
Un vasaio artigiano a Tonalá.
 
Durante la settimana che ho trascorso a Guadalajara sono riuscito anche a fare qualche piccola escursione nei dintorni.
Molti sarebbero i luoghi che meritano una visita (Tlaquepaque, il lago Chapala, Tequila, per citarne solo alcuni), ma non sono riuscito a vederli tutti, anzi forse ne ho visti anche troppo pochi: ma lo scopo del prolungamento che ho fatto al mio viaggio era quello di stare con Gemma, sua sorella e la sua famiglia.
Con gli autobus di linea sono facilmente arrivato in quaranta minuti a Tonalá, il lugar del Sol.
In origine era un piccolo pueblo nei dintorni di Guadalajara, oggi è praticamente diventato un sobborgo della città, mantenendo però intatto il fascino del pueblo con le case basse e colorate.
 
Una via di Tonalá.
 
Come la più famosa (e turisticizzata) Tlaquepaque, anche qui sono sorti laboratori artigiani di abili ceramisti. Anzi, sarebbe Tonalá il luogo ispiratore, dove è nata l'arte della ceramica tipica dello Stato di Jalisco.
 
Ceramiche in esposizione nel cortile davanti ad un laboratorio artigiano a Tonalá.
Alcune statuine del presepio acquistato a Tonalà.
 
E' un luogo più povero della famosa Tlaquepaque: quelle che a Tlaquepache sono chiamate Galerías (gallerie), qui a Tonalá sono semplicemente delle manifatture, delle fabbriche per lo più aperte al pubblico al quale anche vendono direttamente.
A Tonalá sono occupate circa seimila persone nell'industria della terracotta: molte delle ceramiche, del vasellame, delle stoviglie dei servizi da tavola che sono venduti in tutto il Messico provengono proprio da queste fabbriche.
 
Gemma a Tonalá.
 
Tonalá è più modesta di Tlaquepaque, ci sono meno turisti, ma gli oggetti sono gli stessi, comprese le statuine multicolori in terracotta di Mickey Mouse!
Ma ci sono naturalmente anche i tipici prodotti d'artigianato che hanno resa famosa la ceramica di Jalisco.
Ogni giovedì e domenica l'intero paese si trasforma in un gigantesco mercato all'aperto: le bancarelle occupano ogni spazio libero e non basta mezza giornata per esplorarle tutte.
Oggi poi il mercato artigianale coincide, su un altro lato del pueblo, con il giorno del normale mercato, quello che si svolge attorno al mercato coperto. Qui si trovano gli alimentari, frutta, verdura, carne, fiori, spezie, ma anche rimedi contro i calli o contro la caduta dei capelli.
A fianco del mercato al coperto c'è una torre con un orologio, naturalmente piastrellata con le ceramiche di Tonalá!
 
La torre dell'orologio di Tonalá è completamente ricoperta di ceramiche del luogo.
 
Qui a Tonalá acquisto un presepio con le statuine realizzate in un unico, particolarissimo stile popolare: la Sacra Famiglia, il bue, l'asinello, un angelo, alcune pastorelle, pecore ed i tre Re Magi.
 
La basilica di "Nuestra Señora de Zapopan".
 
Sulla strada che da Guadalajara ci porta a Zapopan.
 
Facciamo una piccola escursione a Zapopan: anche questo era un piccolo pueblo che era stato conquistato nell'aprile 1530 da don Nuño Beltrán de Guzmán e che oggi si trova alla periferia di Guadalajara.
Oggi all'ingresso sono posti, tra fontane, degli archi eretti in onore dei fondatori. A tener vivo il legame con il passato sugli Arcos de Zapopan c'è la raffigurazione di Teopiltzintli, il dio del Mais.
Il palazzo municipale, in stile neo-coloniale, ospita al suo interno i murales dell'artista Guillermo Chávez Vega.
Il 12 ottobre una grande festa coinvolge il paese: la Virgen de Zapopan. E' una delle più importanti feste di Guadalajara. Una immagine della Madonna viene portata in processione tra le strade di Guadalajara fino a Zapopan, tra una folla chiassosa, festante, multicolore, con gruppi musicali e ballerini.
Questa festa dà il via a quelle che sono chiamate Fiestas de Octubre, che comprendono per tutto il resto del mese esibizioni musicali, spettacoli di danze folcloristiche, mostre d'arte, rodei e corride.
 
Il piccolo Marco Tarek, il figlio primogenito di Anna, sorella di Gemma, corre davanti al sagrato della basilica di "Nuestra Señora de Zapopan".
 
La mia settimana a Guadalajara vola troppo in fretta ed è già il momento di accomiatarmi con la famiglia messicana di Anna, la sorella di Gemma, che mi ha accolto come fossi uno di loro. Non a caso qui si dice «Mi casa es tu casa».
All'aeroporto avrò il volo su Città del Messico dove passerò la notte al solito Hotel Avenida, prenotato al mio passaggio della scorsa settimana, e poi la stessa sequenza di voli dei miei compagni di viaggio, slittati però di sette giorni: New York e quindi Milano.
Gemma invece resterà qui con sua sorella ancora per un paio di settimane: poi sarò io ad aspettarla al suo rientro in Italia.
   
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak (Xlapak),
Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 
|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
 
Disclaimer & Copyright
Pagina aggiornata il 23 marzo 2017. Io ho fatto molti importanti viaggi con Avventure nel Mondo