Crea sito
México y Yucatán

|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak (Xlapak),
Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 

   Viaggio effettuato nel gennaio-febbraio 1993
   
Ripartiamo ed in venti minuti siamo a San Cristóbal de las Casas.
E' difficile perdersi a San Cristóbal: le sue strade sono tutte parallele e si incrociano tra loro ad angolo retto. Si assomigliano molto e se ci si dimentica il nome di una strada basta contare quante cuadras (isolati) si sono attraversati per ritrovare la propria posizione.
Trovandosi al centro dell'area tzotzil, a San Cristóbal fanno riferimento i vari gruppi indigeni che arrivano qui con le loro mercanzie ed i loro prodotti d'artigianato che vendono alla mattina lungo le strade: in pratica è quasi un mercato giornaliero, si trova sempre qualcuno tutti i giorni. Infatti domani mattina ci dedicheremo qualche ora.
Piacevole l'atmosfera della Plaza 31 de Marzo, la piazza principale chiamata naturalmente Zócalo, con i suoi alberi: è racchiusa da bei palazzi del periodo coloniale, dal Palacio Municipal e dalla Cattedrale ricostruita alla fine del XVII secolo.
Le finestre delle case spesso hanno dei balconi, protetti da ferri battuti.
San Cristóbal de las Casas deve il suo nome a Bartolomé de las Casas (1484 - 1566) frate spagnolo domenicano che si era schierato dalla parte degli indios mettendosi in contrasto con i conquistadores dei quali aveva condannato le atrocità commesse nei confronti dei nativi.
Nominato vescovo del Chiapas nel 1545, fu anche il primo cristiano consacrato nel nuovo mondo.
San Cristóbal de las Casas venne chiamata ufficialmente così solo a partire dal 1943; in precedenza aveva ricevuto altri nomi: nel 1528 era Villa Real de Chiapa, nel 1529 Villaviciosa de Chiapa, nel 1531 San Cristóbal de los Llanos, nel 1848 il nome cominciò ad assomigliare a quello odierno e fu San Cristóbal las Casas, ma poi nel 1934 fino al 1943 divenne Ciudad las Casas. Ha avuto anche due nomi popolari, non ufficiali: Jovel e, per distinguerla da Chiapa de los Indios (l'attuale Chiapa de Corzo), Chiapa de los Españoles.
Intanto giunge l'ora della cena e per questa sera, nonostante qualcuno volesse tornare al ristorante di ieri per gustare nuovamente gli strepitosi anafre, scegliamo un altro locale, il Restaurante El Faisán, proprio sullo Zócalo, per un'altra sontuosa cena messicana.
La pioggia non scoraggia gli indios a recarsi a San Cristóbal per vendere le loro mercanzie. 
Questa notte ha piovuto: capita spesso negli Los Altos ed il tempo continua a mantenersi incerto e grigio.
Questo non ha impedito agli indios della regione ad accorrere ad organizzare il loro mercato come fanno praticamente ogni giorno.
Alle otto di mattina ci sono già tutti lungo le strade di una vasta zona centrale ad occupare tutti gli angoli disponibili, i giardini, i gradini delle case, i sagrati delle chiese. Vendono di tutto, verdura, pannocchie, fagioli, pomodori, succo d'agave ed altri strani liquori, pesci secchi, attrezzi, machete, suppellettili, stoffe e sciarpe variopinte, cinturoni, borse...
 
Merci di ogni genere e soprattutto tanto colore al mercato di San Cristóbal.
 
A vendere in genere sono le donne, che spesso devono portarsi anche i figli, a volte piccoli o piccolissimi, che sono lasciati a terra a giocare fra di loro, oppure c'è un fratellino o una sorellina più grande che si prende cura dei più piccoli.
Ad ogni angolo ci sono scene che varrebbe la pena di fotografare, ma bisogna essere cauti con le immagini: anche se vengono da Chamula, da Zinacantán o da Ixtapa e non sono a casa loro, sono pur sempre quei fieri tzotzil che nei loro villaggi non vogliono essere fotografati.
Comunque, con prudenza e discrezione, riusciamo a scattare qualche fotografia che ci resterà come ricordo di questa esperienza.
E' una festa di colori che ci ricorda che, poco lontano da qui, c'è il Guatemala, dove i colori esplodono. E' una specie di assaggio di quello che non vedremo in questo viaggio, centrato solo in Messico e soprattutto nella penisola dello Yucatán.
 
I bambini seguono i genitori (in genere le mamme) al mercato: i più grandicelli badano ai piccolini.
 
Passate da poco le 11 siamo nuovamente nel nostro bus: in pratica si tratta di rifare la strada per la quale siamo venuti. Ora comincia a piovere, una pioggia che diventa fitta ed ininterrotta quando siamo vicini ad Agua Azul e non possiamo fare a meno di pensare di aver potuto godere della bellezza di quel posto l'altro ieri con un bel sole.
Le nuvole sono basse sulla selva ed a tratti ci entriamo e ci troviamo come immersi nella nebbia.
Alle quattro del pomeriggio facciamo una pausa a Palenque per riposare noi, l'autista ed anche il bus. Prendiamo qualcosa da mangiare e dopo mezz'ora ripartiamo, sempre sotto la pioggia.
Alle sei e mezza di sera non piove più: è già buio e siamo diretti ad Escárcega. Qui la nostra strada sembra disegnata con una stecca, tanto è diritta con rarissime curve.
Finalmente alle 19.30 arriviamo e ci sistemiamo all'Hotel Maria Isabel che avevo prenotato quando eravamo passati di qui provenienti da Campeche.
 
 
Da quello che vediamo ad Escárcega non c'è nulla: sorge ad un incrocio con le strade che vanno a San Cristóbal (da dove veniamo noi) a Campeche (da dove venivamo tre giorni fa) ed a Chetumal (verso dove siamo diretti, anche se non la toccheremo). Di conseguenza c'è un distributore di benzina, questo albergo per il riposo del viandante (nella hall ci sono anche un paio di signorine in minigonna, forse per assicurare ogni comfort nel riposo), un ristorantino, qualche baracchino lungo la strada che vende bibite e caffè.
Dopo esserci sistemati, andiamo a cenare al vicino ristorantino (Restaurante Cristy's) e dopo cena i due Andrea e Marco vanno alla ricerca di una discoteca: pare incredibile, ma in questo luogo sperduto sono riusciti veramente a trovarla, pochi minuti a piedi dietro l'albergo!
L'indomani la giornata si presenta quasi serena, con un bel cielo azzurro da cartolina con qualche rara nuvola dipinta di bianco.
La struttura VIII di Becán caratterizzata dalle "torri" laterali, tipiche dello stile del Rio Bec.
Il ristorante dell'albergo è ancora chiuso, così facciamo colazione alla spicciolata, in uno dei vari baracchini lungo la strada.
 
Faccio colazione in un baracchino lungo la strada a Escárcega: ingenue pitture sulla parete di legno mostrano le specialità gastronomiche: pollo arrosto, fagioli, frappè, hamburger e frutta.
 
Si caricano i bagagli davanti all'Hotel Maria Isabel di Escárcega.
 
Tutti pronti, alle 8.30 si parte.
Il gruppo non vuole perdere l'occasione per visitare tutto quello che è possibile vedere e così quando alle 10.30 passiamo accanto al sito archeologico di Becán ci fermiamo per una visita.
 
Tra le rovine di Becán c'è anche lo sferisterio per il gioco della pelota.
 
Siamo gli unici visitatori ed il luogo è molto interessante: ci troviamo nella zona dello Yucatán conosciuta come del Rio Bec che ha prodotto durante il periodo classico tardo, che va dal VII al X secolo d. Cr., un proprio caratteristico stile architettonico. Gli altri, ricordo, sono il Chenes ed il Puuc (di quest'ultimo rappresentative sono le località di Uxmal e Chichén Itzá).
La caratteristica più evidente dello stile del Rio Bec è il frequente uso di grosse torri di muratura che hanno una certa somiglianza con le piramidi-templi del Petén, lontane circa 120-160 chilometri.
Queste torri sono generalmente doppie e sono innalzate ai due lati della facciata principale dell'edificio.
Un bell'esempio lo troviamo proprio qui a Becán (il cui nome significa "sentiero del serpente"), località poco nota e poco frequentata, ma di grande interesse e bellezza.
Dalla sommità di una struttura vediamo la foresta che circonda Becán: qualche tempio riesce a superare l'altezza degli alberi.
Si trova su un'area relativamente vasta, immersa nella foresta, con una serie di piramidi, di piazze, di edifici: c'è anche un gioco della pelota ben conservato.
Altro motivo di interesse è il fatto che Becán sia completamente chiuso da un sistema difensivo composto da un fossato asciutto che lo circonda, munito di alti terrazzamenti e mura per proteggerlo in caso di conflitti con altre popolazioni tribali.
L'edificio principale, del quale ignoriamo il nome perché non ne abbiamo trovato notizia sulle guide (ma tornati a casa abbiamo scoperto essere denominato "Struttura VIII") è abbastanza per conservato e mantiene ai due lati le tipiche torri dello stile del Rio Bec, le quali invece sono alquanto collassate.
 
Un'altra interessante struttura di Becán della quale purtroppo non abbiamo notizie: proprio perché ignorato dalla maggior parte delle guide, a Becán eravamo gli unici visitatori.
 
Ci prendiamo tutto il tempo necessario per la visita, passeggiando per i sentieri che portano tra le rovine nella foresta. Saliamo anche su alcuni di questi monumenti che superano l'altezza degli alberi, godendo dello spettacolo dei resti che sovrastano le chiome.
Qui a Becán e nei dintorni, nella foresta, gli archeologi hanno trovato canali sotterranei di adduzione delle acque al centro cerimoniale. Sono stati scoperti, proprio in queste condotte, alcuni utensili di sicura provenienza da Teotihuacán, arrivati sin qui con i commerci che erano stati sempre molto attivi.
Un gigantesco mascherone fortemente stilizzato emerge dalla parete di una delle torri dell'edificio principale di Xpuhil.
Dopo quasi un'ora di visita ci rimettiamo in marcia, ma veramente per poco: fatti appena sette o otto chilometri, abbiamo la possibilità di visitare un altro luogo archeologico, Xpuhil, la cui esplorazione e restauro (molto parziale, finora sono stati scavati solo tre edifici) sono iniziati attorno al 1967.
Qui l'edificio principale ha ancora le torri dello stile del Rio Bec, ma non sono due, poste ai lati, bensì tre: c'è una terza torre in posizione centrale e disassata rispetto alle altre due.
 
L'edificio principale di Xpuhil: oltre alle due torri laterali ne ha una terza centrale.
 
Le torri hanno gli spigoli arrotondati, sono provviste di finte scalinate sopra le quali sono posti degli enormi mascheroni.
Le tre torri sono raccordate tra loro da un basso edificio con la facciata principale divisa in tre parti: il fregio superiore di ognuna di queste tre parti è leggermente inclinato e sporgente e mostra un mascherone visto frontalmente, mentre nella parte inferiore troviamo, come motivo decorativo, delle fasce verticali di bassorilievi, frequente nella zona del Rio Bec.
Altro elemento originale della zona sono le finte colonne incassate agli angoli che sporgono dai due corpi di fabbrica avanzati sulla fronte; il tutto a somiglianza con le capanne in legno e rami che una volta erano le abitazioni popolari dei Maya e in parte lo sono ancora oggi dei poveri contadini della regione.
Sono forse rappresentazione del dio Sole i tre mascheroni sulla facciata della piramide delle Maschere a Kohunlich.
 
Anche un improbabile esploratore nella foresta attorno a Xpuhil ha la possibilità di trovare qualche reperto archeologico che, se non fosse onesto, potrebbe facilmente far sparire.
 
Concludiamo la nostra visita con una breve perlustrazione lungo i sentieri che si addentrano nella foresta attorno. Anche qui troviamo resti di edifici diroccati e non sarebbe difficile, per qualche malintenzionato, portarsi a casa qualche frammento di decorazione maya in stile del Rio Bec.
 
La strada verso Chetumal è quasi un unico interminabile rettilineo, interrotto ogni tanto da qualche rara curva.

Riprendiamo la strada: il paesaggio è abbastanza monotono e piatto ed anche la strada non è che sia tra le più varie, visto che si tratta di un infinito rettilineo.
Poco prima delle 13 siamo a Kohunlich, dove le rovine si trovano in un parco abbastanza vasto con una lussureggiante vegetazione sotto la quale, ne possiamo vedere molti, sono nascosti oltre duecento monticelli: scavando là sotto ci sono sicuramente scoperte da fare, ma anche qui gli scavi finora hanno interessato una minima zona di un complesso di 21 ettari.
Kohunlich appartiene al primo periodo classico, tra il 250 ed il 600 d. Cr.
Impressionante è un albero che è cresciuto penetrando con le radici in un muro.
Percorriamo quella che doveva essere la grande piazza, chiusa in fondo dalla piramide della Maschere, dedicata al dio Sole, che ha sulla facciata tre grandi mascheroni scolpiti, di tre metri d'altezza ciascuno, rappresentanti probabilmente la divinità.
Le maschere risentono di una influenza olmeca.
Dopo quest'ultima sosta archeologica siamo ormai diretti verso l'oceano.
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak (Xlapak),
Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 
|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
 
Disclaimer & Copyright
Pagina aggiornata il 23 marzo 2017. Io ho fatto molti importanti viaggi con Avventure nel Mondo