Crea sito
México y Yucatán

|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak
(Xlapak), Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 

   Viaggio effettuato nel gennaio-febbraio 1993
   
Da Uxmal abbiamo la possibilità di percorrere la via corta che conduce a Campeche. Ma non abbiamo alcuna fretta di essere in albergo presto; oltretutto è già prenotato.
Quindi siamo tutti d'accordo di percorrere il camino real, come viene chiamata la strada più lunga che ci porterà in una delle zone più suggestive della civiltà maya con i suoi edifici più belli in puro stile Puuc.
Dopo un quarto d'ora siamo già alla prima tappa che, in pratica, è proprio sulla strada.
Si tratta di Kabáh, il cui ingresso è simbolicamente segnato da un grande arco maya, isolato, privo di decorazioni, che si trovava sull'antica strada sacra sopraelevata (saché) che collegava Kabáh ad Uxmal.
 
Una vista sulle rovine di Kabáh con il Tempio delle Colonne.
  
Sulla facciata occidentale del Codz-Poop sono rappresentate due figure umane con le braccia protese in avanti: forse l'immagine di sovrani.
 
Questo arco venne diligentemente disegnato nel 1842 dall'architetto Frederick Catherwood, al seguito dell'esploratore newyorkese John Lloyd Stephens, il quale lo paragonò ai «...solenni archi trionfali romani».
Questa scoperta venne snobbata dagli archeologi per quasi un secolo, definendola «...la sedicente scoperta...», ma solo perché non riuscivano a trovarlo! Venne riscoperto solo nel 1941 e risulta perfettamente identico al disegno che ne fece Catherwood!
Il complesso di Kabáh presenta un certo numero di resti, più o meno bene conservati, come la Piramide delle Maschere, il Palazzo, il Tempio delle Colonne, la Casa della Strega, tutte rovine che si possono visitare bene e con calma, dal momento che sono praticamente ignorate dal turista. Questi infatti, se percorre questa strada, al massimo si ferma un attimo ad ammirare, magari dai finestrini dell'autobus, l'edificio più famoso di Kabáh, il Codz-Poop, costruito su un terrapieno artificiale, sormontato da una "cresta" decorata con un motivo geometrico a greche.
La caratteristica più saliente di questo tempio è il fatto che l'intera facciata è totalmente ricoperta dai mascheroni del dio Chac, con il caratteristico naso a proboscide.
 
La facciata settentrionale del Codz-Poop di Kabáh ricoperta da 250 maschere stilizzate del dio Chac.
 
 
Le maschere stilizzate del dio Chac su una facciata del Codz-Poop (detto anche Tempio delle Maschere).
 
La decorazione totale della facciata sarebbe una caratteristica dello stile Chenes, ma l'estrema stilizzazione del motivo lo fa unanimemente considerare un'opera in stile Puuc.
Vi è un ripetersi all'infinito della maschera stilizzata di Chac, che ne fa perdere il significato figurativo per farla assurgere ad elemento decorativo astratto fine a se stesso.
Oggi le 250 maschere (c'è chi scrive 270, ma io sinceramente non ho provato a contarle) hanno perso la parte terminale del naso (la parte della "proboscide" incurvata all'insù), ma quando l'apparato decorativo era in ordine doveva suscitare una forte emozione nei fedeli che vi si avvicinavano.
In realtà è restata un'unica maschera di Chac con il naso intatto: occupa una posizione marginale a destra, sulla fila in alto.
C'è anche chi ha fatto un conto: ogni maschera è composta da trenta pezzi di pietra lavorata, assemblati assieme. Quindi in totale sono stati scolpiti 7.500 pezzi senza l'uso dello scalpello di metallo ma ricorrendo, al massimo, a qualche strumento di ossidiana.
Dopo Kabáh, in direzione di Campeche, c'è una deviazione sulla sinistra. Lungo questa deviazione si trovano altri siti interessanti, che siamo interessati a visitare in considerazione che sono "quasi" sulla strada e che l'albergo di questa sera è già prenotato, quindi non occorre arrivare presto per accaparrarci le stanze.
Dal momento che per ritornare sulla strada principale dovremo ripercorrere la deviazione, cominciamo a visitare il sito archeologico più lontano, Labná; negli altri ci fermeremo ritornando.
L'architettura di Labná è tipica di quest'area d'influenza Puuc, però manca di una unità stilistica. Gli edifici si aggiunsero gli uni sugli altri nel processo di crescita della città.
Finora è stata ritrovata un'unica data (scolpita sul naso a proboscide del dio Chac) che corrisponde all'869 d. Cr.
Anche qui la visita non è particolarmente impegnativa: Labná è famosa soprattutto per il suo arco monumentale che metteva in comunicazione due complessi di edifici.
Si tratta di una struttura più complessa dello spoglio arco che abbiamo visto a Kabáh.
La decorazione, ad esempio, è diversa sulle due facciate: da un lato delle greche risaltano in rilievo su un grande fondo di junquillos, nell'altro lato la decorazione si fa più elaborata e complessa, forse a voler sottolineare che quella era la facciata principale.
  
L'arco di Labná: si possono scorgere tra le decorazioni due raffigurazioni di capanne maya.
Un tratto restaurato del "saché", la strada cerimoniale rialzata che arrivava fino ad Uxmal.
 
La struttura è tripartita, ai lati ci sono due false porte che aumentano la spettacolarità dell'arco centrale.
L'arco è quasi privo di decorazione, mentre i due corpi laterali presentano sopra le false porte la riproduzione di due capanne maya (come abbiamo visto anche ad Uxmal) che spiccano sullo sfondo. Su uno degli angoli si può osservare una maschera di Chac ed una colonna incassata.
Alcune modanature intagliate a cornice delimitano gli spazi della composizione mentre in alto è accennata una "cresta" traforata che dona leggerezza all'edificio.
La prima immagine che fu vista dell'arco di Labná fu un disegno del 1842 ripreso dal vero dall'architetto Frederick Catherwood che accompagnava John Lloyd Stephens nelle sue esplorazioni nello Yucatán: quando venne visto, la gente, ma anche gli studiosi, non si sapeva capacitare che una tale opera potesse essere stata fatta da dei "selvaggi" e qualcuno avanzò persino l'ipotesi che potesse essere dell'antica Grecia, edificata da qualche equipaggio di una qualche nave greca approdata fin là. D'altra parte questi atteggiamenti non ci devono meravigliare molto, se l'arco di Kabáh disegnato venne definito per quasi un secolo «...la sedicente scoperta...».
Naturalmente Labná non è solo l'arco, anche se questi è l'edificio più famoso: visitiamo infatti el Mirador, in cima ad una piramide. Più che visitarlo, lo vediamo, in quanto non è raggiungibile non essendo possibile salire sulla piramide semidistrutta.
 
El Mirador, dove iniziava il "saché", la strada cerimoniale che giungeva fino ad Uxmal.
 
Si tratta di un tempio che data la sua struttura deve essere sembrato ai primi esploratori una torre di guardia (da cui il nome che gli attribuirono di el Mirador).
Poi ci sono il palazzo, templi ed edifici minori, piattaforme, una sessantina di chultunes, bacini d'acqua piovana per l'uso degli abitanti della città e soprattutto il saché, la strada sacra cerimoniale rialzata che qui unisce anche alcuni templi fra di loro.
Il Palazzo di Sayil.
Ritornando lungo la deviazione che avevamo percorso prima, ci fermiamo a Xlabpak (centro noto anche come Xlapak nelle indicazioni stradali e nelle guide).
A Xlabpak, immerso nella foresta, arriviamo all'unico edificio abbastanza rilevante che ci mostra sulla sinistra due mascheroni di Chac dal naso a proboscide ed altri tre, sistemati ad angolo sulla destra. Sul frontone, in posizione centrale, un motivo geometrico in rilievo evidenzia una immagine di Chac fortemente stilizzata.
C'è anche un sentiero appena segnato che prosegue oltre: noi lo percorriamo.
La vegetazione è fitta, non devono essere molti quelli che lo percorrono: vediamo pietre disseminate tra le radici delle piante e poi giungiamo ad una specie di collinetta, alta 7-8 metri, dalla quale emergono altri blocchi di pietra con tracce di una decorazione per noi non decifrabile. Da qui, l'impenetrabilità della foresta, ci costringe a ritornare sui nostri passi.
 
Un edificio nascosto nella foresta dello Yucatán nel sito di Xlabpak (o Xlapak).
 
Si potrebbe dire: tutto qui?
Eppure anche questa visita è piaciuta molto a tutti. In primo luogo, come prima a Kabáh ed a Labná, siamo soli nella vegetazione, senza la presenza delle frotte di turisti che imperversano nei luoghi di maggiore richiamo. Siamo soli nel silenzio (e paradossalmente tra i rumori) della foresta.
Poi questo percorrere sentieri per giungere quasi inaspettatamente ad una rovina maya ci fa un po' vivere l'avventura che devono aver vissuto i primi esploratori che scoprirono questi luoghi centocinquant'anni fa. Ed ancora possiamo vedere come la forza della natura sia riuscita a cancellare, devastandoli, i segni posti dall'uomo: enormi radici che si sono riappropriate dei propri spazi, incuneandosi tra le pietre fino a sgretolarle, sconquassando mura ed edifici.
Una visita di grande suggestione.
Rientriamo nel nostro autobus ed in cinque minuti siamo a Sayil. Anche se questi centri non avevano l'importanza o le dimensioni di Uxmal e di altri che visiteremo nei prossimi giorni, il fatto che siano così concentrati e vicini dimostra quanto doveva essere sviluppata e fiorente la civiltà che vi ha dato origine.
A Sayil si ripete, con minime varianti, quello che ci è già successo a Kabáh, Labná e Xlabpak: essendo gli unici visitatori, l'unico guardiano-bigliettaio invece di farci pagare i biglietti per tutti, ci stacca solo un paio di biglietti e tutti gli altri entrano nell'area archeologica ad una cifra per noi simbolica, ma che diventa un piccolo guadagno extra per il custode.
A Sayil restiamo più del tempo che avevamo previsto: infatti le rovine sono tutte relativamente distanti le une dalle altre e per raggiungerle bisogna percorrere dei sentieri tra la fitta vegetazione, rendendo molto suggestiva la nostra "esplorazione".
Il primo luogo che visitiamo è naturalmente il palazzo, costruito attorno al 730 d. Cr., che si eleva su un ampio spazio verde ben curato, l'unico luogo di Sayil in ordine.
Il Palazzo è veramente una costruzione colossale (ricordiamoci sempre che i costruttori ignoravano la metallurgia e che i loro strumenti erano rudimentali ed al massimo di ossidiana). E' disposto su tre piani dove quelli superiori sono arretrati rispetto ai sottostanti. Il primo piano è in gran parte distrutto e sepolto sotto le rovine. Il terzo piano, che dovrebbe essere il tempio principale, presenta delle pareti lisce sulle quali si aprono delle aperture (non potendoci salire, non abbiamo capito se si tratti di porte o di finestre).
Il secondo piano è quello più elaborato: è una sequenza di aperture singole e di aperture larghe che vengono tripartite da delle colonne fornite di un capitello quadrangolare. La parete tra le varie aperture presenta il motivo a junquillos con ataduras, cioè la trasposizione in pietra delle pareti in legno dei primitivi edifici maya, anche abitazioni, costruiti in legno: si tratta dell'immagine di tronchi rinforzati da legature che li tengono uniti tra loro. Qui tutto è stato raffigurato nella pietra.
 
Un dettaglio del grande Palazzo di Sayil. 
 
La decorazione a junquillos è presente anche sull'apparato decorativo della fascia superiore del secondo piano, interrotto da un mascherone centrale del dio Chac, rappresentato con i denti particolarmente sporgenti e ripreso anche come decorazione d'angolo, e da una coppia di serpenti fantastici che si fronteggiano.
Un grande scalone esterno centrale consente di raggiungere i vari piani dell'edificio che, all'interno, contiene una cinquantina di stanze.
Anche questa città era dotata di chultunes, cioè di cisterne per la raccolta e la conservazione dell'acqua piovana. Vicino al palazzo è possibile vederne una che, si dice, può contenere trentamila litri d'acqua.
Ma noi non ci fermiamo solamente al Palacio, che resta indubbiamente il più importante edificio di Sayil, e percorrendo i vari viottoli andiamo a cercare altre rovine, più o meno nascoste nella macchia della vegetazione, delle quali non sappiamo il nome (infatti le guide di viaggio sono più generose e dettagliate di informazioni relativamente ai complessi archeologici maggiori, ignorando questi siti turisticamente "minori").
A Sayil una "cresta" sovrasta quello che resta di questo tempio detto "el Mirador". 
Ci colpisce un edificio immerso nella vegetazione (un tempio?) in quanto rappresenta in forma quasi perfetta la trasposizione litica dell'architettura lignea del posto. Le pareti (in pietra) mostrano una serie di tronchi piantati nel suolo e legati tra loro (junquillos con ataduras) con il tetto formato da altri giunchi: potrebbe essere, ma è solo una mia supposizione, che in origine l'edificio fosse stato realizzato esclusivamente in legno e che poi, deteriorandosi questo materiale naturale, sia stato ricostruito in pietra a somiglianza del precedente edificio in legno.
 
A Sayil un edificio nella foresta riproduce fedelmente in pietra quella che doveva essere una costruzione maya in legno.
 
Fatto sta che grazie anche a questi reperti possiamo avere un'idea di quella che era una "normale" costruzione maya.
Proseguendo per il sentiero giungiamo fino a el Mirador, un tempio che è sormontato da una superba "cresta" sul tetto conservatasi in discrete condizioni.
Poco oltre arriviamo ad una stele che rappresenta, a bassorilievo, una divinità dotata di un ragguardevole fallo, con grande invidia, per ragioni opposte, da parte di tutto il gruppo.
   
Una stele nei pressi di Sayil: se non fosse per la primitiva copertura di protezione, parrebbe abbandonata nella foresta.
   
Ci siamo attardati nella visita di Sayil e raggiungiamo in ritardo il nostro autobus al parcheggio all'ingresso, con il paziente autista Víctor Villalobos che ci attende.
Sono almeno due le ore di macchina che ci aspettano per arrivare a Campeche. Dopo un centinaio di chilometri c'è una deviazione che ci consentirebbe di arrivare ad Ezná che rappresenta una sorta di annello di congiunzione tra gli stili Chenes e Puuc, ma il sole è ormai basso e un po' tutti, anche perché un po' stanchi per l'intensa giornata, decidono di proseguire diritti. C'è da aggiungere che Umberto continua a non stare tanto bene e praticamente è sempre rimasto in autobus, saltando le nostre visite. C'è anche da aggiungere che neppure Raffaella sta benissimo.
Verso le 18.30 arriviamo nel centro di Campeche all'Hotel López, che avevo prenotato per telefono da Mérida. Ci sono dei problemi di parcheggio (che l'hotel non ha) perché la strada è stretta e cerchiamo di essere i più veloci possibile nello scaricare i bagagli dal bus, in quanto blocchiamo il traffico che a quest'ora è abbastanza sostenuto.
Víctor troverà dove parcheggiare l'autobus per la notte ed intanto lo invitiamo con noi per la cena di stasera.
L'Hotel López è situato in una costruzione di tipo coloniale, dimostra una certa decadenza anche nell'arredo: tuttavia è pulito e si respira un'atmosfera di un certo fascino.
Io approfitto subito del telefono per prenotare per domani l'Hotel Maya a Palenque e poi, lasciato Umberto a letto, (continua ad avere la febbre e si è autoprescritto della Novalgina) passeggiando arriviamo tutti assieme al centro di Campeche, di fronte al mare del golfo del Messico e ci sistemiamo in uno dei migliori ristoranti della città. il Restaurante Miramar (tra le calles 8 e 61) famoso per le sue specialità di pesce che gustiamo durante una sontuosa cena.
Prima di rientrare in albergo facciamo una passeggiata digestiva sul lungomare e lungo i Baluartes.
 
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak
(Xlapak), Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 
|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
 
Disclaimer & Copyright
Pagina aggiornata il 23 marzo 2017. Io ho fatto molti importanti viaggi con Avventure nel Mondo