Crea sito
México y Yucatán

|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak (Xlapak),
Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 

   Viaggio effettuato nel gennaio-febbraio 1993
   
La vecchia basilica dedicata alla Nuestra Señora de Guadalupe che mostra ancora i segni del terremoto del 1985.
 
L'immagine prodigiosa della Vergine nella chiesa moderna della Nuestra Señora de Guadalupe.
Non è ancora molto tardi, il sole è ancora alto, così approfittando del fatto che ci passiamo non molto lontano, ci facciamo portare da Carlos Palmas alle basiliche di Nuestra Señora de Guadalupe.
I santuari vennero eretti per ricordare le prodigiose apparizioni della Madonna ad un giovane indio, Juan Diego, nel XVI secolo.
Esistono diverse versioni di questi avvenimenti, non tutte concordanti: seppure per lo più siano ricordate quattro apparizioni della Madonna, in alcuni di questi racconti queste diventano cinque e quasi tutti differiscono per qualche particolare in più o in meno: evidentemente nei secoli ciascuno ha cercato di colmare alcune lacune nel racconto, aggiungendo qualcosa secondo il proprio gusto o la propria fantasia.
Comunque, a grandi linee, tradizionalmente si racconta che, sulla collina del Tepeyac, vicino a Città del Messico, Juan Diego, un povero indio, vide la mattina del 9 dicembre 1531 una signora che si manifestò come essere la Madonna; questa gli chiese di far erigere una chiesa in suo onore in quel luogo.
Juan Diego si sarebbe recato dal vescovo Juan de Zummáraga a riferire quanto gli era accaduto di vedere e di udire sul colle, ma il vescovo non gli credette.
Ripassando per la collina, Juan Diego incontrò una seconda volta la Madonna e le riferì dell'incontro con il vescovo: la signora gli ordinò di tornare il giorno seguente dal vescovo, cosa che Juan Diego puntualmente fece. Il vescovo tuttavia gli chiese un segno, una prova, per poter credere al racconto.
Tornato sulla collina, la signora gli promise un segno per l'indomani. Purtroppo, a causa di uno zio gravemente ammalato, Juan Diego non poté recarsi all'incontro.
Il 12 dicembre Juan Diego dovette uscire per cercare un sacerdote che confessasse lo zio ormai morente. Per strada gli apparì ancora una volta la Madonna che lo rassicurò sulle condizioni di salute dello zio: è già guarito, gli disse. Quindi gli ordinò di salire sulla collina per raccogliere dei fiori, nonostante che quel giorno, secondo il calendario giuliano in uso al tempo, coincidesse con il solstizio d'inverno. Juan Diego tuttavia trovò una fioritura di fiori di Castiglia, sbocciati fuori stagione: era il segno da portare al vescovo Juan de Zummáraga.
Juan Diego li avvolse nel proprio mantello.
Di fronte al vescovo e ad altre persone, Juan Diego aprì il mantello per presentare quei fiori prodigiosi ed all'istante i presenti videro impressa sulla mantellina l'immagine della Madonna.
Nella chiesa che venne eretta fu collocato il mantello recante l'immagine prodigiosa.
Oggi le basiliche di Nuestra Señora de Guadalupe sono due: c'è la vecchia chiesa coloniale, ormai chiusa anche perché è stata ulteriormente danneggiata dal terremoto del settembre 1985, e c'è la nuova chiesa completata nel 1976, progettata dall'architetto messicano Pedro Ramírez Vásquez per sostituirsi alla precedente, vecchia ed ormai diventata troppo piccola per contenere il grande afflusso di pellegrini che vengono a pregare davanti all'immagine miracolosa impressa sul telo, soprattutto nei giorni precedenti il 12 dicembre, anniversario dell'evento miracoloso. Ma in qualsiasi giorno dell'anno, anche oggi, possiamo vedere numerosi pellegrini in arrivo e spesso si osservano gesti che derivano da culti pagani preispanici che si mescolano con quelli tradizionali del culto cattolico.
 
La nuova chiesa di Nuestra Señora de Guadalupe completata nel 1976, opera dell'architetto messicano Pedro Ramírez Vásquez.
 
 
 
 
Poi, in mezz'ora, Carlos ci conduce al nostro albergo.
Per la cena prenoto da Sanborn's in Avenida Francisco Madero, che possiamo raggiungere dal nostro albergo in pochi minuti a piedi.
Il ristorante si trova all'interno della Casa de los Azulejos e precisamente in quello che era il patio interno, oggi coperto, con una fontana al centro.
La Casa de los Azulejos è un edificio del tardo XVI secolo appartenuto al Conte della valle di Orizaba, che ne fece un gioiellino ricoperto da maioliche blu (azulejos) che compongono dei disegni ispirati allo stile moresco spagnolo e nord africano. Nel patio, dove ceniamo tutti assieme, non possiamo non ammirare le pitture murali con paesaggi e creature mitiche dipinte nel 1926 dall'artista messicano José Clemente Orozco (1883-1949), uno dei maggiori artisti messicani, artefice con Diego Rivera e Davide Alfaro Siqueiros del movimento murale del XX secolo.
Dopo cena raggiungiamo la vicina Torre Latinoamericana, considerata il grattacielo più alto del mondo, non tanto per i suoi 177 metri d'altezza, ma per il fatto che si trova a 2.309 metri sul livello del mare! Mare che è rappresentato al trentasettesimo piano da un acquario, anche questo il più alto del mondo, nel quale vivono specie acquatiche degli oceani Pacifico ed Atlantico.
 
Città del Messico vista dalla Torre Latinoamericana.
 
La Torre Latinoamericana, costruita con criteri antisismici per resistere a terremoti fino all'ottavo grado della scala Mercalli, è effettivamente l'unico grattacielo ad avere realmente resistito a terremoti fino al sesto grado.
Noi vi saliamo con l'ascensore fino al quarantaduesimo piano, da dove riviviamo quello spettacolo di un mare sterminato di luci che avevamo visto dall'aereo al nostro arrivo. Ed in lontananza, in continuazione, vediamo sul cielo buio l'avvicendarsi delle luci degli aerei in atterraggio all'aeroporto di Città del Messico.
Il palazzo di Hernán Cortés a Cuernavaca.
Il giorno dopo, lunedì, inappuntabile Carlos Palmas ci viene a prelevare alle 8 con il bus per l'escursione di oggi. Restiamo anzi stupiti per la sua puntualità, a dispetto di una certa fama di non tenere in grande conto gli orari che hanno le genti messicane e latinoamericane in genere.
In poco più di un'ora arriviamo a Cuernavaca, meta quasi d'obbligo per tanti turisti.
In periodo preispanico si chiamava Cuauhnáhuac (il luogo al margine della foresta) ed era abitata dagli indos Tlahuica.
Hernán Cortés vi arrivò nel 1521 e la ribattezzò, appunto, Cuernavaca costruendovi la Catedral de la Assunción, una delle più antiche del Messico, che si arricchì successivamente di cappelle, edifici ed un chiostro interno in stile barocco messicano.
A fianco della Plaza de la Constitución, l'antico Zócalo, c'è il palazzo che Cortés fece costruire tra il 1522 ed il 1532 per la sua seconda moglie sopra le rovine di una piccola piramide indiana: si tratta di un palazzo-fortezza in stile medioevale.
Anche dopo la partenza di Cortés per la Spagna nel 1540, il palazzo restò ancora di proprietà della famiglia. Nel XVIII secolo cominciò ad essere usato come prigione e Porfirio Díaz lo usò come sede del suo governo. Attualmente il palazzo accoglie il Museo di Cuauhnáhuac che però oggi, essendo lunedì, è chiuso; così non possiamo vedere neppure i murales che Diego Rivera (1886-1957) dipinse negli anni Venti mostrando gli orrori delle antiche superstizioni, della schiavitù sotto gli spagnoli, le lotte per la libertà ed i benefici della democrazia.
 
Uno scorcio del centro di Cuernavaca.
 
Passeggiamo per le vie di Cuernavaca, tra le costruzioni coloniali e le piccole abitazioni: l'impressione che ne ricaviamo è quella di una cittadina molto vivibile e così dovettero pensare in molti se venne scelta, anche per il suo clima, come dimora da ricchi e potenti. Qui vi risiedeva Hernán Cortés, come marchese di Oaxaca, vi si rifugiava l'imperatore Massimiliano I d'Austria con le sue amanti indiane, probabilmente anche la stessa nobiltà azteca aveva scelto questo luogo come rifugio.
Archeologi al lavoro a Xochicalco, alla base di un un gruppo di rovine. 
Dopo circa un'ora e mezza (abbiamo anche mangiato un gelato in piazza) risaliamo sul nostro autobus diretti alla vicina Xochicalco.
L'autista Carlos Palmas sbaglia strada: se ne accorge al casello dell'autostrada  dove prende informazioni per la direzione. Compie disinvoltamente un'inversione a "U", praticamente bloccandola senza troppi problemi e percorre contromano la rampa d'ingresso per uscirne!
A parte il contrattempo arriviamo a Xochicalco ("il luogo della casa dei fiori") alle 12.30.
Subito oltre l'ingresso nell'area archeologica vediamo al lavoro un gruppo di archeologi che sta compiendo una campagna di scavi e di ricerche alla base di un gruppo di rovine.
Xochicalco possiede veramente delle caratteristiche particolari, in quanto rappresenta, in un'epoca storica buia per le antiche culture messicane, quasi un punto d'incontro e di sintesi tra diverse civiltà. Nell'architettura di Xochicalco troviamo apporti maya, zapotechi, teotihuacani e totonachi. Infatti dopo la fine di Teotihuácan, la regione non aveva più un centro-capitale di riferimento: abbandonata a se stessa subì una fase di imbarbarimento.
Le  rovine di Xochicalco sono poste a diversi livelli ai margini dell'altopiano centrale del Messico.
Tuttavia resistevano alcune cittadelle, quelle meglio protette e fortificate. Xochicalco si trova quasi sul bordo, a sud dell'altopiano centrale del Messico, in una posizione apparentemente defilata, a 1.500 metri d'altezza, dove il clima era più caldo.
Questa regione venne così descritta dal cronista Diego Durán: «Questa è certamente una delle più belle terre del mondo e, se non fosse per il grande calore, sarebbe un nuovo paradiso terrestre...».
Ma proprio in questa regione c'era una grande ricchezza di cotone e passava la via commerciale che univa l'altopiano messicano al Rio Balsas; oltre al cotone, per questa via passavano i commerci del cacao, delle pietre verdi, delle penne d'uccello, dell'ossidiana.
Se prima era Teotihuácan a detenere il monopolio ed il controllo di questi commerci, ora che Teotihuácan non c'era più, Xochicalco potè espandersi e dominare e controllare questa via commerciale, grazie anche alla sua posizione strategica, posta a 130 metri di altezza sulla regione circostante.
Proprio grazie alle relazioni commerciali, Xochicalco attinse ad altre culture, distanti anche migliaia di chilometri: più che assomigliare alla vicina Teotihuácan, è più prossima alla cultura dei Maya di Copán e degli Zapotechi di Monte Albán. Inoltre, quasi a dimostrare un momento di collegamento con gli emergenti Toltechi di Tula, il gioco della pelota di Xochicalco servì da modello alla costruzione di quello di Tula.
La base della piramide del tempio del Serpente Piumato a Xochicalco mostra, tra le spire del serpente, i sacerdoti astronomi che qui si riunirono attorno al 650 d. Cr.
Ma anche alcuni bassorilievi che si trovano su delle costruzioni di Xochicalco, che mostrano serpenti, personaggi e glifi, come pure i glifi incisi su numerose steli, mostrano origini nahua, maya e zapoteche. Quindi Xochicalco, grazie anche ai suoi commerci, fu sempre aperto ai contributi ed agli influssi esterni e, nel momento della sua massima importanza, fu anche un centro che fece sentire la propria influenza nel mondo maya.
La prova ci è data dal fatto che i suoi monumenti erano dedicati principalmente a delle correzioni al calendario: verso il 650 d. Cr. si riunì a Xoxhicalco una sorta di congresso di sacerdoti-astronomi, alcuni dei quali probabilmente provenienti dalla lontana Copán (oggi in Honduras), con lo scopo di adottare un nuovo e più preciso calendario.
Qui, sul basamento di quel gioiello di architettura e di scultura che è il tempio di Quetzalcoatl, tra le spire dei serpenti piumati che lo adornano, sono raffigurati proprio i sacerdoti-astronomi che parteciparono a quella riunione astronomica.
Gli studiosi ritengono molto probabile che l'edificio di Quetzalcoatl (a Xochicalco chiamato sempre del "Serpente Piumato") sia stato costruito al termine di uno dei cicli di 52 anni che è necessario perché un giorno del calendario kaab ritorni a coincidere con il corrispondente giorno del calendario tzolkin, allo scopo di ricordare la cerimonia del fuego nuevo (Fuoco Nuovo) con la quale si celebrava l'inizio di un nuovo ciclo di vita per l'universo.
A seguito della correzione astronomica, le vecchie date incise non erano più considerate utili: quelle incise sugli edifici maggiori (ad esempio sulla facciata principale del tempio del Serpente Piumato) vennero corrette con nuove incisioni sul glifo, mentre per quelle segnate sulle steli venne usato un altro metodo: la stele veniva dipinta di rosso, il colore della morte, e dopo essere state fatte a pezzi, cioè "uccise" ritualmente per evitare influenze nefaste, venivano sotterrate. Così sono state ritrovate dagli archeologi.
La piazza della stele dei due glifi con il tempio a Xochicalco.
Xochicalco lascia delle impressioni contraddittorie tra di noi. Alcuni sono rimasti delusi dalla visita, ma sono coloro che, dopo essere entrati, si sono fermati superficialmente solo alle prime rovine.
Bisogna camminarci e girare di più: io con gli altri in un'ora ho girato bene tra le rovine, anche quelle più lontane, cercando di coglierne gli aspetti più interessanti. Essendo divisa fra vari livelli, non ci si deve fermare all'ingresso: ad un livello superiore c'è il tempio del Serpente Piumato con il tempio della stele, più in basso c'è un livello con la piattaforma della stele dei due glifi e più in basso ancora c'è lo sferisterio del gioco della pelota in ottime condizioni che presenta ancora gli anelli (marcadores) attraverso i quali doveva passare la palla di caucciù.
Tutto il complesso si trova inoltre in una bella posizione panoramica.
Fermandosi quasi all'ingresso senza camminare più in là è logico restare delusi dalle prime "quattro pietre" che si incontrano.
Quando cerchiamo di ripartire l'autobus, parcheggiato in salita, non riesce a superare la pendenza carico del nostro peso. Così Carlos Palmas ci fa scendere e l'autobus, alleggerito, riesce a muoversi. Vi rimontiamo un centinaio di metri più in là, dove la strada è tornata più pianeggiante.
 
Città del Messico,
Museo de Antropología
Tula,
Teotihuacán
Nuestra Señora de Guadalupe
Quernavaca, Xochicalco
Taxco, Città del Messico,
Tenochtitlán
Mérida,
Uxmal
Kabáh, Labná, Xlabpak (Xlapak),
Sayil, Campeche
Palenque,
(visita)
Aqua Azul, San Cristobál,
de las Casas, Cañón del Sumidero
San Juan Chamula,
Zinacantán
San Cristobál de las Casas,
Becán, Xpuhil, Kohunlich
Tulum,
Akumal
Cobá, Chichén Itzá,
(luz y sonido, storia)
Chichén Itzá,
(visita)
Chichén Itzá, Libre Union,
Hoctún, Città del Messico
Guadalajara
(storia)
Guadalajara,
Tonalá, Zapopan
 
|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
 
Disclaimer & Copyright
Pagina aggiornata il 23 marzo 2017. Io ho fatto molti importanti viaggi con Avventure nel Mondo