Crea sito
Trittico d'Oriente

|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
Nepal
Kathmandu
(arrivo)
Dakshinkali, Swayambhunath,
Kirtipur
Pashupatinath, Boudhanath,
Budhanilkantha
Patan
Patan (segue),
Bhaktapur
Bhaktapur (segue) Bhaktapur (segue),
Nagarkot, Kathmandu
Kathmandu (segue),
partenza
Sri Lanka
Colombo (arrivo),
Anuradhapura
Anuradhapura (segue),
Mihintale, Polonnaruwa
Polonnaruwa (segue),
Sigiriya
Dambulla, Kandy,
Peradeniya, Colombo (partenza)
Maldive
Hulhule (arrivo),
Malè
Malè (segue),
Thulusdhoo (arrivo)
Thulusdhoo
(l'isola)
Isola disabitata, Bandos, Huraa,
Little Huraa, Himmafushi
  
L'ingresso alle grotte-tempio di Dambulla.
Con il pulmino ci spostiamo di una quindicina di chilometri, per raggiungere un'altra rocca, quella di Dambulla.
La roccia di pietra grigia ha un profilo curioso che ricorda quello del dorso di un elefante immerso fino a metà corpo in una verde vegetazione.
Avvicinandoci incontriamo dapprima un piccolo edificio dove depositiamo le nostre scarpe, poi ci troviamo in un piazzale lastricato di fronte alla roccia di Dambulla. Una parte della parete, quella inferiore, è nascosta da una bassa struttura bianca che fa da ingresso alle grotte-tempio.
Nella zona ci sono un'ottantina di grotte che furono abitate fin dai tempi preistorici.
Il luogo venne convertito al culto buddhista nel I secolo a. Cr.: infatti quando la capitale Anuradhapura fu conquistata dai Tamil, il Re Vattagami Abhaya avrebbe trovato rifugio qui, tra il 102 e l'89 a. Cr., in un tempio buddhista già esistente.
Una volta tornato al potere, come segno di gratitudine per l'ospitalità ricevuta, fece erigere questo tempio, del quale vediamo il bianco ingresso, composto da cinque grotte.
Le pareti delle grotte sono ricoperte quasi interamente da pitture murali; i monaci, o gli artisti, che le dipinsero rispettarono tutte le irregolarità della roccia, spesso servendosene per dare profondità alle scene che dipingevano.
 
Un dagoba costruito all'interno della grotta n. 2.
Si calcola che sia di oltre 2.000 m². la superficie dipinta.
Oltre ai dipinti, c'è una concentrazione incredibile di statue: sarebbero oltre 150 solamente le statue che ritraggono Buddha.
Le opere sono di difficile datazione; nel XII secolo il Re Nissankamalla fece arricchire questo tempio di nuove statue.
Le statue originarie e quelle aggiuntesi nei secoli successivi vennero ridipinte più volte, secondo un'abitudine buddhista che vede la statua, il dipinto, come strumento di meditazione e non come opera d'arte. Così quando la pittura deperisce, magari risultando di difficile lettura, non si esita a ridipingerla nuovamente.
Tutto questo fa sì che sotto strati e strati di pittura più recenti potrebbe celarsi una statua risalente a due millenni fa.
Nelle raffigurazioni di Buddha di Dambulla si può notare che nella maggioranza delle statue gli occhi sono semiaperti, o aperti, e le labbra appena dischiuse.
Quando gli occhi sono semiaperti, Buddha è visto un attimo prima di entrare nel Nirvana; spesso sulla testa è mostrata la fiamma della saggezza.
 
Una statua di Buddha nella grotta n. 3 di Dambulla.
  
Delle cinque grotte, la più vasta è la seconda, chiamata anche grotta "dei grandi re" (Maharaja Lena). Deve il suo nome al fatto che oltre a quasi una sessantina di statue dedicate a Buddha, ve ne sono due che raffigurano i due re che hanno legato il proprio nome a Dambulla: Vattagamani e Nissankamalla.
E' talmente vasta che i monaci vi hanno edificato all'interno addirittura un dagoba.
Vicino, posate a terra, ci sono alcune grandi ciotole di metallo: servono per raccogliere dell'acqua che scende dal soffitto della grotta. Probabilmente si tratta solo di infiltrazioni che provengono dal soffitto della grotta, ma secondo i fedeli sarebbe invece una fonte d'acqua prodigiosa dalle proprietà miracolose e curative.
Terminata la visita, puntiamo verso Kandy che raggiungiamo quando è ormai sera.
La mattina dopo viene dedicata ad un po' di shopping.
La città si estende sul fondo di una valle, circondata da colline ricoperte da una ricca vegetazione tropicale, ai margini di un lago artificiale.
Kandy: venditore di ananas. 
Quando Gampala, l'odierna Gampola, 25 chilometri a sud-ovest di Kandy, era la capitale del regno singalese (dal 1341 al 1412), Kandy era solo una piccola cittadina satellite dove un re vi aveva costruito un palazzo per sé ed alcuni templi.
Si chiamava Maha Nuwara, che significa "grande città". Furono i portoghesi a cambiare il nome chiamandola Kandè, a seguito di un errore: nel 1542 un governatore locale si era proclamato Kandè Raja (ovvero "Re della Montagna") e così chiamarono Maha Nuwara con il nome Kandè.
Verso la fine del XVI secolo, le potenze europee si disputavano le regioni costiere di Ceylon e la popolazione, per mantenere la propria indipendenza, si rifugiava verso l'interno. Nel 1590, per ritorsione, gli abitanti di Kandy espulsero tutti gli stranieri residenti in città, compresi i missionari cattolici. Kandy divenne quindi il centro del nazionalismo singalese contro le pretese degli occidentali: portoghesi, olandesi e inglesi.
Nonostante i saccheggi subiti dalla città (venne assediata numerose volte ed anche bruciata), i re di Kandy riuscirono a mantenere l'indipendenza fino al 1815, quando gli inglesi presero il potere.
Kandy non riuscì mai ad avere l'aspetto monumentale che ebbero le altre capitali, come Anuradhapura e Polonnaruwa, tuttavia oggi vi si respira una gradevole atmosfera provinciale.
Resta comunque indubbiamente la capitale religiosa dell'isola per il solo fatto di conservare la reliquia del sacro dente di Buddha.
La mattina dopo siamo in giro, a passeggiare per le strade di Kandy. Quello che ci stupisce è il vedere come le strade siano un unico immenso mercato diffuso con venditori di ogni genere di mercanzia.
     
Kandy: venditore di tessuti. 
Kandy: venditore ambulante. 
Le mura che circondano il Dalada Maligawa (Tempio del Dente) 
 
  
Prima di dedicare qualche ora allo shopping, si va alla compagnia aerea per le riconferme dei voli. Qui scopriamo che il nostro volo per Malè forse non esiste: sull'unico volo in partenza domani mattina da Colombo i nostri nomi non ci sono. Ma la cosa strana è che il numero del volo sul nostro biglietto non risulta in partenza domani! Vediamo se una volta a Colombo riusciremo a sbrogliare la matassa.
Intanto ci perdiamo tra le tante bancarelle e negozi che ci sono per la strada.
Numerosi sono i negozi specializzati nel tè, una ricchezza del paese che lo rende famoso in tutto il mondo.
In una strada ne sono schierate parecchie decine.
Mi avventuro con un paio di compagni di viaggio dentro uno di questi negozi, giusto per acquistare un po' di autentico tè di Ceylon.
L'ambiente è arredato tutto in boiserie. Noi chiediamo semplicemente di acquistare del tè. Immediatamente ci fanno accomodare in un salottino nel retrobottega dove c'è dell'acqua fumante sul fuoco.
Inizia il rito della preparazione del tè, che ci viene versato in tazze di porcellana bianca.
Con ampie descrizioni sugli aromi e sui sapori, ci vengono presentati, e fatti assaggiare, il tè di pianura, il tè di montagna, il tè di collina, quello di mezza montagna ed altre qualità ancora.
Siamo trattati come fossimo degli importanti commercianti occidentali che devono fare acquisti di grandi quantitativi di tè. Cerchiamo di spiegare che in realtà volevamo acquistare solo mezzo etto di tè, un etto al massimo.
Ma i titolari imperturbabili, con ampi sorrisi, ci vogliono far assaggiare gran parte del loro repertorio.
Alla fine di questa lunga degustazione-conferenza sui tè di Sri Lanka, ce ne usciamo con i nostri modesti acquisti con i calorosi e riverenti saluti dei proprietari e noi per un attimo ci illudiamo di essere i più grandi importatori di tè d'Europa!
Proseguiamo verso sud per strade fiancheggiate da edifici in stile coloniale, come il Queen's Hotel che, dietro la facciata, nasconde un'atmosfera piuttosto decadente, nonostante gli antichi fasti del passato che vuole evocare.
Raggiungiamo il Kiri Muhuda, il "mare bianco", un lago artificiale che venne costruito dall'ultimo re di Kandy tra il 1803 ed il 1807. Qui, sulle sue rive, ci sono i monumenti più importanti della città: il palazzo reale, il Dalada Maligawa, altri templi, il museo cittadino.
Il Dalada Maligawa, o Tempio della Reliquia del Sacro Dente, custodisce la reliquia di un dente di Buddha.
  
Fedeli in preghiera all'interno del Dalada Maligawa (il Tempio della Reliquia del Sacro Dente). 
  
Uno dei viali del giardino botanico Peradeniya. 
Questo dente (il canino sinistro) sarebbe stato rinvenuto tra le ceneri residue dalla combustione del corpo di Buddha e venne conservato inizialmente a Dantapuri, l'attuale Puri, in Orissa.
Era sorta una credenza secondo la quale questa reliquia avrebbe dato a chi la possedeva il diritto di governare il mondo. Dopo travagliate e complesse vicende, una principessa di Kalinga (l'attuale Orissa in India), Hemanale, nascondendo il dente tra gli ornamenti per i capelli, portò il prezioso cimelio a Ceylon.
La reliquia venne conservata nelle varie città che di volta in volta diventarono nei secoli capitali dell'isola rappresentando, ovviamente, la certezza e il fondamento per il potere della monarchia.
A Kandy nel 1603 venne costruito il primo santuario destinato a custodire la reliquia; distrutto dai portoghesi nel 1637, fu ricostruito nel 1697, subendo degli importanti rimaneggiamenti nella seconda metà del XVIII secolo.
 
Una porta all'interno del Dalada Maligawa.
 
La struttura del santuario appare piuttosto modesta, senza particolari pregi architettonici.
Noi siamo gli unici turisti che visitano in questo momento il tempio: tutti gli altri sono fedeli che portano le loro offerte, per lo più fiori.
Man mano che ci si addentra nel tempio, la calca aumenta, ma nessuno spinge, nessuno si affanna: sono tutti pazientemente in attesa che venga il loro turno per sostare davanti alla reliquia del Sacro Dente.
La reliquia non è visibile: si trova dentro un prezioso cofanetto.
Una volta all'anno viene portata in processione all'esterno del tempio: avviene per la festa Esala Perahera che si svolge per il plenilunio del mese di esala (tra luglio e agosto).
In quei giorni Kandy diventa la città più importante dello Sri Lanka e dopo dieci giorni di festeggiamenti, danze e musiche, nell'ultimo giorno la reliquia, posta con il suo cofanetto in un baldacchino sulla schiena di un elefante, sfila tra la folla in delirio.
Altri templi si trovano attorno all'area dell'ex palazzo reale, ma il tempo stringe per noi che dobbiamo raggiungere Colombo.
Prima di percorrere i 120 chilometri che ci separano dalla capitale di Sri Lanka, facciamo una sosta a Peradeniya che incontriamo appena usciti da Kandy.
Una macchia di vegetazione nel giardino Peradeniya. 
Peradeniya: orchidea.
 
Qui c'è uno dei giardini botanici più belli del mondo fondato nel 1821 sul luogo di una vecchia proprietà reale, in una posizione incantevole sulle rive di un fiume.
Si tratta di una raccolta della maggior parte delle piante tropicali e subtropicali del mondo.
Appena entrati in una specie di foresta apparentemente incontaminata (ma in realtà sapientemente costruita artificialmente) ci accoglie sulla destra un grande padiglione dove sono conservate tutte le specie di orchidee conosciute. Tra queste una delle più belle e rare piante del mondo: l'Amherstia nobilis, chiamata in inglese the Pride of Burma (l'orgoglio della Birmania, da dove è originaria), l'unico membro conosciuto del genere Amherstia.
  
Giardino botanico Peradeniya: orchidea. 
  
Seppure sia coltivata come pianta ornamentale nei paesi tropicali, è molto rara in natura dove, a memoria dei naturalisti, è stata avvistata solo due volte.
Il suo nome ricorda Lady Amherst, moglie di William Pitt Amherst che fu governatore generale dell'India dal 1823 al 1828.
In genere fiorisce tra novembre ed aprile; purtroppo noi non riusciamo a vedere alcun fiore di questo incanto della natura.
Verso la fine del parco, appesi a grappolo sui rami, vediamo migliaia di pipistrelli giganti: come ci avviciniamo, disturbati dalle nostre voci, all'improvviso spaventati cominciano a volare all'impazzata.
In realtà non saprei dire se si sono spaventati più loro o più noi! Per fortuna che sono animali assolutamente inoffensivi.
Riprendiamo il nostro pulmino e giungiamo a Colombo in tempo per vedere il tramonto sul lungomare.
  E' il 31 dicembre e ci cerchiamo un ristorante con la vista sull'oceano per festeggiare l'ultimo giorno dell'anno. Allo scoccare della mezzanotte siamo gli unici a brindare al nuovo anno: in giro la vita notturna prosegue nella sua quotidianità, come in un'altra qualsiasi notte.
Tra festeggiamenti vari, siamo a letto non prima delle tre del nuovo anno.
Molti di noi si sono addormentati forse da una mezz'ora quando è un gran bussare alle nostre porte: Eraldo ci intima di essere pronti con il bagaglio in dieci minuti, i taxi sono pronti che ci stanno aspettando, c'è un volo che parte tra meno di tre ore!
Abbiamo poca voglia di fare domande, un po' perché stiamo dormendo in piedi, un po' perché non c'è tempo da perdere.
Di corsa siamo tutti pronti nella hall dell'albergo ed intanto Eraldo ci dice che mentre noi festeggiavamo il capodanno, lui era in aeroporto e, come dal cilindro del prestigiatore, è saltato fuori inaspettato un volo straordinario di Air Lanka. Pare che fossero in un tremendo overbooking ed hanno allestito questo volo che parte alle cinque e mezza.
Ci suddividiamo con i bagagli nei taxi e, ancora dormendo in piedi, raggiungiamo l'aeroporto di Colombo.
Dopo un'ora di volo atterriamo a Malè sotto una pioggia torrenziale.
  
Nepal
Kathmandu
(arrivo)
Dakshinkali, Swayambhunath,
Kirtipur
Pashupatinath, Boudhanath,
Budhanilkantha
Patan
Patan (segue),
Bhaktapur
Bhaktapur (segue) Bhaktapur (segue),
Nagarkot, Kathmandu
Kathmandu (segue),
partenza
Sri Lanka
Colombo (arrivo),
Anuradhapura
Anuradhapura (segue),
Mihintale, Polonnaruwa
Polonnaruwa (segue),
Sigiriya
Dambulla, Kandy,
Peradeniya, Colombo (partenza)
Maldive
Hulhule (arrivo),
Malè
Malè (segue),
Thulusdhoo (arrivo)
Thulusdhoo
(l'isola)
Isola disabitata, Bandos, Huraa,
Little Huraa, Himmafushi
  
|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei viaggi"|
 
 
Disclaimer & Copyright
Pagina aggiornata il 13 gennaio 2016. Io ho fatto molti importanti viaggi con Avventure nel Mondo