Crea sito
Un segnatasse d'emergenza

|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei francobolli"|
 
  La collocazione dello sportello recapito delle Poste di Venezia presso un ufficio succursale, a seguito dell'abbandono della storica sede del Fondaco dei Tedeschi, ebbe delle conseguenze che lasciarono una traccia postale: la creazione di un "segnatasse d'emergenza"!
 
Il Fondaco dei Tedeschi di Venezia in un francobollo emesso il 7 maggio 1990 è definito come "Palazzo delle Poste". 
Il Fondaco dei Tedeschi è stato per oltre un secolo la sede delle Poste di Venezia.
Costruito la prima volta nel 1228, ebbe l'ultima riedificazione tra il 1505 ed il 1508, dopo che un furioso incendio lo aveva devastato nella notte tra il 27 ed il 28 gennaio 1505. Venne affrescato sulla facciata e sulle mura esterne dal Giorgione e dal Tiziano.
Da luogo di deposito e di scambio delle merci esclusivo dei mercanti tedeschi, successivamente qui trovarono ospitalità anche quelli austriaci, ungheresi ed in genere dei paesi del nord Europa, divenendone una vera e propria rappresentanza commerciale. Lo stesso Albrecht Dürer, nel suo primo soggiorno veneziano tra la fine del 1494 e la primavera del 1495, alloggiò presso il Fondaco dei Tedeschi.
 
Il Fondaco dei Tedeschi a Venezia fotografato quando era ancora sede delle Poste Centrali. 
 
Nel 1806, in epoca napoleonica, venne adibito a dogana, poi sotto la dominazione austriaca divenne una specie di acquartieramento militare.
Le Poste cominciarono ad insediarsi in parte delle oltre 200 stanze che vi si trovano a partire dal 1870.
Nel 1925 divenne proprietà esclusiva del Ministero delle Comunicazioni e le Poste, che tra il 1929 ed il 1938 vi fecero radicali opere di ristrutturazione (tra cui la copertura del cortile con un lucernario nel  1937), poterono ampliarsi fissandovi la loro sede centrale per Venezia.
I grandi spazi disponibili consentirono di accentrare qui, per decenni, tutti i servizi postali, telegrafici, telex ed anche quelli che ebbero una vita limitata nel tempo, oltre agli uffici dell'Azienda di Stato per i Servizi Telefonici.
Nel 2008, alla ricerca di liquidità, Poste Italiane iniziò un'operazione di vendita dei propri "gioielli di famiglia", tra cui era compreso anche il Fondaco dei Tedeschi per il quale venivano accettate offerte a partire da 51 milioni di euro.
A seguito dell'avvenuta vendita (per 53 milioni) l'ultimo giorno di presenza di Poste Italiane nella storica sede fu sabato 9 ottobre 2010.
Non fu possibile trovare a Venezia un contenitore di dimensioni tali da poter ospitare in città tutti i servizi che prima erano concentrati in un'unica vasta sede, ricca di spazi.
Quella principale venne individuata nel palazzo Giustinian Faccanon, che già era stato sede delle Poste di Venezia tra il 1872 ed il 1898, che divenne operativa una decina di giorni dopo, il 20 ottobre: qui fu possibile effettuare le principali operazioni postali ma, evidentemente, non era in grado di accogliere l'universalità dei servizi.
Il segnatasse d'emergenza da € 0,52 stampigliato con un'affrancatrice meccanica utilizzato per assolvere il diritto di giacenza di una raccomandata.
Così, ad esempio, la base logistica dei portalettere (il Centro Recapiti per lo smistamento della corrispondenza) trovò collocazione a Cannaregio, in calle Priuli, in quello che prima era stato un magazzino di materiale elettrico.
La consegna della corrispondenza inesitata (ad esempio le raccomandate e le assicurate non recapitate per assenza del destinatario) venne garantita presso due preesistenti uffici: il "Venezia 1" (a Cannaregio, in Lista di Spagna) e "Venezia 4" (a S. Marco, in Calle Larga dell'Ascension").
 
L'avviso provvisorio che era stato predisposto per indicare la nuova sede dello sportello di recapito della corrispondenza inesitata. Venne distribuito nelle abitazioni attraverso i prtalettere.
 
Il centro storico venne diviso in due zone e l'utenza interessata si recava in una piuttosto che nell'altra succursale (curiosamente gli abitanti dell'isola della Giudecca erano costretti a recarsi in quella di Cannaregio anziché in quella più vicina di S. Marco).
Tuttavia questo diede luogo, al di là di qualche disguido nella fase transitoria, ad una situazione curiosa: lo sportello (ed il personale) destinato alla consegna della corrispondenza inesitata era sì ospitato presso un ufficio succursale, ma non ne faceva parte continuando a dipendere dal Centro Recapiti una volta al Fondaco dei Tedeschi.
 
L'ufficio postale "Succursale 4" in Calle Larga dell'Ascension dove aveva trovato sistemazione lo sportello di "Venezia Recapito" per la consegna della corrispondenza inesitata.
 
Questo ebbe qualche conseguenza organizzativa della quale abbiamo evidenza postale.
Nel caso di una raccomandata (o un'assicurata) non recapitata per assenza del destinatario le norme postali prevedevano la giacenza gratuita per cinque giorni: entro questo termine nulla era dovuto per la sua conservazione nell'ufficio, ma dal sesto giorno in poi il destinatario doveva pagare € 0,52 per diritti di giacenza, che corrispondevano alla vecchia precedente sovrattassa di 1000 lire.
Lo sportello di recapito delle inesitate non era in possesso di cartevalori (tra l'altro i francobolli con il taglio da € 0,52 non erano più in distribuzione da tempo) e non poteva richiederle allo sportello corrispondenze dell'ufficio succursale dal quale non dipendeva e che aveva una sua propria contabilità. Per lo stesso motivo non poteva neppure accedere alla macchina affrancatrice TP-Label.
Così, nelle prime settimane, non venne richiesto alcun pagamento per il ritiro delle raccomandate trascorso il periodo di giacenza gratuito, come non veniva richiesto il pagamento del diritto di fermo posta nel caso che questo non fosse stato assolto dal mittente.
In una successiva fase transitoria furono fatti pagare in contanti € 0,52 per il ritiro delle raccomandate oltre il quinto giorno di giacenza apponendo, come ricevuta, il timbro su due righe asimmetriche «ASSOLTA IMPOSTA DI BOLLO» ed il Guller con data.
 
Il verso di una raccomandata ritirata dal destinatario oltre il quinto giorno di giacenza gratuita: il pagamento di € 0,52 per i diritti di giacenza è attestato dal timbro «ASSOLTA IMPOSTA DI BOLLO».
 
Poi ci si organizzò: il Centro Recapiti di calle Priuli stampigliò con una macchina affrancatrice meccanica un certo quantitativo di etichette "rosse" con l'impronta di € 0,52 che furono date in dotazione allo sportello inesitate ospitato presso la succursale.
Queste etichette costituivano la prova dell'avvenuto pagamento del diritto di giacenza ed a tutti gli effetti devono essere considerati dei segnatasse, seppure anomali e d'emergenza.
Le etichette venivano stampate periodicamente e fornite allo sportello corrispondenze di Calle Larga dell'Ascension che così poteva disporre di una piccola mazzetta di etichette "rosse".
La stampa, manuale, veniva fatta su strisce di carta autoadesiva bianca di cm. 16 x 3,9: su ogni striscia erano stampigliate due impronte adiacenti in posizione invertita ("tête-bêche"); questo era dovuto al fatto che, per utilizzare interamente la striscia, dopo averla inserito una prima volta nell'affrancatrice meccanica, veniva girata per ricevere la seconda impronta sullo spazio restato libero.
L'addetto allo sportello poi strappava a mano la striscia per usare la singola impronta.
 
Una etichetta "corta" dove non si legge l'importo: l'addetto lo ha aggiunto a mano.
Come detto in precedenza, queste etichette venivano stampate in anticipo e poi consegnate allo sportello delle inesitate. Di conseguenza la data apposta dall'affrancatrice non coincideva con quella dell'impiego.
Per questo motivo l'impiegato annullava questo improvvisato segnatasse apponendo il timbro «30124 VENEZIA CENTRO» in modo da coprire il datario a cerchio dell'affrancatrice («30100 VENEZIA UDR») che riportava una data precedente.
La stampa artigianale di due impronte rosse sulla stessa striscia autoadesiva non consentiva di ottenere sempre delle impronte complete: a volte una delle due impronte risultava parziale, come nell'esempio riportato a fianco dove non risulta leggibile l'importo stampigliato.
Nel caso mostrato l'impiegato allo sportello aggiunse a penna l'importo («0,52») ripetendolo sotto con un «Bene 0,52» per confermarlo.
   
Particolare dell'etichetta "rossa" del valore di € 0,52 applicata al verso della busta, come fosse un segnatasse.
Il verso di una raccomandata con avviso di ricevimento ritirata dal destinatario oltre il quinto giorno di giacenza gratuita: il pagamento di € 0,52 per i diritti di giacenza è attestato dall'etichetta stampigliata con un'affrancatrice meccanica dello stesso importo. Dall'esame dei timbri e delle annotazioni ricaviamo che la raccomandata venne spedita a Venezia il 7 maggio 2011, il 13 maggio ci fu il tentativo di recapito e quindi, compilato l'avviso per il destinatario, venne inoltrata allo sportello delle inesitate. Il destinatario si recò allo sportello per il ritiro il 28 maggio, ben oltre i cinque giorni di giacenza gratuita.
   
Per completezza d'informazione aggiungiamo che, quando lo sportello aveva esaurito le etichette "rosse" (e trascorrevano alcuni giorni prima che ne arrivassero altre da calle Priuli dove le stampavano), si tornava al sistema del timbro manuale «ASSOLTA IMPOSTA DI BOLLO».
 
|Torna all'indice della home page| |Torna all'indice "I miei francobolli"|
 
 
Disclaimer & Copyright
Pagina aggiornata il 30 maggio 2011